Quali mascherine usare nella ristorazione e per fare delivery (consegne a domicilio) per proteggersi dal coronavirus?

 

Prima di ordinare qualsiasi tipo di mascherina, leggi quest’articolo! “Potrebbe salvarti la vita”.

Se sei su questa pagina vuol dire che anche tu, da ristoratore, sei consapevole dell’obbligo di utilizzare e far utilizzare ai tuoi dipendenti i DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) come, ad esempio, mascherine e guanti al fine di tutelare la loro salute e quella dei tuoi clienti.

Non mi dilungo oltre sugli aspetti normativi che lo impongo e a quali conseguenze (anche penali) rischi di incorrere nel caso in cui i tuoi dipendenti lavorino senza adeguati DPI.
Sappi che è una tua precisa responsabilità scegliere mascherine DPI adeguate al tipo di lavoro che svolgi. (art. 74…79 D.Lgs. 81/08) 

Anche perché, parlando francamente, prima di ogni obbligo viene il “buonsenso del padre di famiglia” che si prende cura dei propri figli. E, se ci pensi bene, i tuoi dipendenti e i tuoi clienti sono un po’ come i tuoi figli.

Se ti prendi cura di loro, loro si prenderanno cura di te.

Ma andiamo dritti al punto! Vista l’attuale difficoltà nel reperire le mascherine, e in attesa che le forniture siano disponibili per tutti, abbiamo sentito tutto e il contrario di tutto.

Allora desidero consigliarti quali scegliere in base alle funzioni delle mascherine rispetto al contesto in cui si devono usare. Anche in base alle indicazioni dell’INAIL e dell’OSM (organizzazione Mondiale della Sanità).

 

Quali sono le mascherine da usare per proteggersi dal coronavirus in ambito lavorativo?

 

Ci sono due famiglie principali di mascherine:

  • Le mascherine chirurgiche che sono un dispositivo medico in base alla normativa nazionale e comunitaria (Direttiva sui Dispositivi Medici 93/42/CEE; norma europea EN 14683:2005 che per effetto del Decreto Cura Italia (art. 16) sono ritenute DPI di prima categoria
  • Le mascherine FFP1, FFP2 e FFP3 che sono e sono sempre stati DPI (Dispositivi di protezione individuale) di 3 categoria

Ovviamente tralasciamo tutte le mascherine “fake”, prodotte da tipografie e aziende del tessile riconvertite che le producono per la popolazione (e non per chi lavora) che non hanno adeguato potere filtrante e non sono certificate.

Infatti non sono né dispositivi medici né DPI. A questo proposito, personalmente le sconsiglierei anche alla popolazione, proprio perché hanno davvero poca efficacia.

Ma un conto è l’ambito privato dove ognuno è padrone della propria salute, un conto è l’ambito lavorativo dove il datore di lavoro è responsabile e risponde della salute di lavoratori, clienti e fornitori.

Comunque, lascia che ti risponda con la tabella che segue. 

Prima però devo fare una piccola precisazione.

 La sigla FFP sta per “Filtering Facepiece Particles”, che tradotto in italiano significa “Facciale filtrante contro le particelle”. Mentre il numero indica il livello di protezione, 1 basso, 2 medio e 3 alto.

Ma vediamo tutto nel dettaglio:
(scorri le immagini per vedere tutte le tipologie)

Quindi come vedi per la ristorazione, e in particolare per il delivery devi usare le mascherine FFP2 che meglio proteggono sia chi le indossa che gli altri.

In mancanza di queste ultime,  puoi ricorrere alle mascherine FFP1 o alle Chirurgiche, consapevole che conferiscono una protezione più blanda. 

Inoltre come detto dal Ministero della Salute:

Non è utile indossare più mascherine sovrapposte.

Non è consigliato l’uso di maschere fatte in casa o di stoffa (ad esempio sciarpe, bandane, maschere di garza o di cotone), queste infatti non sono dispositivi di protezione e la loro capacità protettiva non è nota.

Attenzione però, usa le mascherine nel modo corretto perché altrimenti ottieni l’effetto contrario, ossia le mascherine stesse potrebbero diventare mezzi di contagio!

 

Allora come fare? Basta seguire queste 3 regole.

1) Sostituisci le mascherine spesso.

È importante sapere che sono monouso e che quindi vanno cambiate spesso, in particolare appena diventano umide vanno gettate e sostituite.

2) Indossa le mascherine modo giusto.

Come devo mettere e togliere correttamente la mascherina?

  1. Prima d’indossare la mascherina, lavati le mani con acqua e sapone o con una soluzione alcolica almeno al 70%
  2. Copri bocca e naso con la mascherina assicurandoti che sia integra e che aderisca bene al volto.
  3. Evita di toccare la mascherina mentre la indossi, se la tocchi, lavati le mani.
  4. Quando diventa umida, sostituiscila con una nuova e non riutilizzarla, in quanto mascherine monouso.
  5. Togli la mascherina prendendola dall’elastico e non toccare la parte anteriore della mascherina.
  6. Gettala immediatamente in un sacchetto chiuso e lavati le mani.

3) Igienizza spesso le mani con soluzione alcolica 70% e mantieni sempre le distanze di sicurezza di almeno 2 metri.

Quindi ora sai che mascherine comprare e come usarle correttamente.

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo per informare anche altre persone sulla corretta scelta e utilizzo delle mascherine.

Vai al nostro shop per acquistare mascherine e DPI certificati per la ristorazione